Viadana. I commercianti chiedono un tavolo per il riordino dei parcheggi

Viadana. I commercianti chiedono un tavolo per il riordino dei parcheggi
I commercianti a nome della loro presidente Giuliana Morini commentano la notizia della Gazzetta riguardo ai parcheggi a pagamento in piazzale Baroni, limitrofo a piazzale della Libertà che resta gratuito e chiedono quantomeno di essere interpellati come parte in causa. Prima di procedere - riassume la Morini - sarebbe stato auspicabile convocare i commercianti e le parti coinvolte direttamente in questa decisione che non sarebbe volta al riordino ma al guadagno visto che sono state messe strisce blu quando bastavano semplicemente bianche.
(Fonte Gazzetta di Mantova)

Viadana. Parcheggi a pagamento in piazzale Baroni

Viadana. Parcheggi a pagamento in piazzale Baroni

Il piazzale Baroni è l’area in fondo a piazzale Della Libertà (ai più conosciuto come piazzale delle corriere) i parcheggi a pagamento riguarderanno quest’area.  Nella parte di piazzale della libertà dal lato della autostazione il parcheggio resterà libero. Al parcometro già installato (ma non ancora attivo) saranno aggiunte le apposite strisce blu per marcare i singoli stalli. Riassumendo: a pagamento saranno solo i parcheggi oltre le transenne nel lato degli edifici commerciali, sotto le tettoie e ai lati. I posti auto saranno a pagamento solo nelle ore diurne e giorni feriali quindi non si pagherà di notte e al sabato e domenica infine la prima ora è gratuita. Dalla nuova planimetria ridisegnata si potranno ricavare 136 posti evitando la “sosta selvaggia” di quanti disponendo male le auto occupano tre posti in due. L’entrata in vigore del pagamento sarà preceduto da un periodo di “rodaggio” in cui i vigili si limiteranno a segnalare agli automobilisti il nuovo obbligo senza infliggere sanzioni.
(Fonte Gazzetta di Mantova)

Viadana. Frate Paolo in Tanzania, tra globalizzazione e tradizione

Viadana. Frate Paolo in Tanzania, tra globalizzazione e tradizione.
Interessante intervista sulla Gazzetta al concittadino fra Paolo Boldrini che compie la propria azione missionaria in Tanzania. Il focus è il problema dello sviluppo dell’Africa alle prese con la globalizzazione e l’ingresso delle aziende straniere, le famose multinazionali minerarie e agricole che monopolizzano l’economia trattando alla pari direttamente coi governi mentre i piccoli sono un po’ abbandonati a sé stessi. A proposito del “aiutarli a casa loro” fra Paolo sta cercando di avviare al lavoro le persone locali nel settore dell’istruzione agraria e avviare un’attività di sfruttamento della pianta del piretro utilizzato come insetticida naturale.
(Fonte Gazzetta di Mantova)

Viadana. Domenica mattina senz’acqua. L’azienda si scusa

Viadana. Domenica mattina senz’acqua. L’azienda si scusa
Un black out totale della distribuzione idrica fin dalle prime ore del mattino tornando normale su tutto il territorio solo dopo le 11. Impossibili tutti quei gesti normali e quotidiani nelle abitazioni che richiedono l’uso dell’acqua dalla cucina e bagno da cose serie come i servizi sanitari fino alle cose frivole come i bar che non hanno potuto fare il caffè. A fronte di tali disagi in un comunicato: “L’azienda nello scusarsi per i disagi ringrazia gli utenti per la pazienza e collaborazione”.  Molti utenti si sono lamentati in tutti i modi, alcuni adducendo il mancato preavviso ma il black out non è stato provocato da un’interruzione programmata bensì un guasto alle pompe di sollevamento.
(Fonte Gazzetta di Mantova)

Viadana. Il Comune cerca cittadini “benemeriti” per l’albero di Natale

Viadana. Il Comune cerca cittadini “benemeriti” per l’albero di Natale
“Stiamo cercando un pino da posizionare sulla piazza di Viadana per il prossimo Natale”. A scriverlo è il Comune nel suo sito ufficiale, un appello a cittadini benemeriti per allestire le coreografie natalizie. Alcuni pensano male stigmatizzando il gesto del Comune che “scrocca” ai cittadini anche in questa circostanza, altri ricordano quanto e spesso in passato cittadini benemeriti hanno speso di tasca propria per il bene della comunità cittadina, lo testimoniano le cronache antiche e le targhe dedicate ai cittadini viadanesi benemeriti di altre epoche nel campo delle opere pubbliche e in quelle di bene. Assumersi gli oneri di una determinata spesa a favore di tutta la comunità - ovviamente acquisendone un giusto lustro personale - è una buona prassi che si tramanda dagli antichi romani ma che nell’era post ideologica è scarsamente praticata e a volte fraintesa. (Per info: 0375/786228)
(Fonte La Provincia)

Dosolo. Calcio femminile, visita della Nazionale

Dosolo. Calcio femminile, visita della Nazionale
Milena Bertolini, commissario tecnico della Nazionale italiana femminile di calcio, ha visitato martedì sera le giovani della polisportiva Rapid Viadana. Le allenatrici sono rimaste a Dosolo per circa tre ore assistendo a una partitella d’allenamento.
(Fonte Gazzetta di Mantova)

Ponte di Casalmaggiore: “Senza autovelox camionisti indisciplinati”

Ponte di Casalmaggiore: “Senza autovelox camionisti indisciplinati”
Il ponte di Casalmaggiore, appena ristrutturato in modo emergenziale e condannato alla demolizione tra 10 anni non riceve gli accorgimenti necessari per preservarlo fino alla costruzione di quello nuovo. Siccome è stato appena riaperto, sapendo come è messo strutturalmente e che deve necessariamente essere tenuto attivo, ogni cosa che ne mini la stabilità deve essere evitato ovviamente. La Gazzetta in un articolo volge i riflettori verso i mezzi pesanti e la loro velocità. Il comitato di Colorno chiede sensori e autovelox rivolgendosi alle Province coinvolte. Il problema - denuncia il comitato - è che si continuano a violare i limiti dei 50 km orari e i limiti di tollellaggio fino a giungere al paradosso che - chi si adegua ai limiti dei 50 orari - viene incalzato coi clacson a violarli. Siccome i controlli non possono essere h/24 i comitati chiedono l’occhio elettronico.
(Fonte Gazzetta di Mantova)

Zucchina killer uccide i boschi naturali del Po

Zucchina killer uccide i boschi naturali del Po
Trasforma il paesaggio in un luogo di fantascienza dove la vegetazione copre tutto, dagli arbusti fine alle cime più alte degli alberi. E’ la zucchina selvatica americana, una pianta infestante rampicante che - a differenza dell’edera - col suo abbraccio mortale uccide l’albero che la ospita. Questa pianta importata a scopi ornamentali dal Sud America si è diffusa in tutta l’asta del Po dalla parte lombarda mentre meno nel reggiano ma si sta diffondendo rapidamente anche in quel versante. La pianta infestante è stagionale, muore d’inverno ma i semi sono pronti a farla rinascere in primavera espandendosi sempre di più. Il fenomeno ormai è diventato ingestibile, basti pensare che La Provincia riporta il parere del biologo il quale conferma che per fermare la pianta killer l’unico modo è la eradicazione manuale e ripetuta per vari anni equivalendo a dire che è impossibile.
(Fonte La Provincia)

Viadana avrà il primo sindaco donna?

Viadana avrà il primo sindaco donna?
Una candidatura che può “scompaginare lo scenario politico in vista delle elezioni di questa primavera”.
C’è la possibilità che per la prima volta Viadana possa avere un sindaco donna sarebbe Fabrizia Zaffanella. La Provincia anticipa la candidatura alla carica di “sindaca” una persona stimata e conosciuta in città con esperienza nel pubblico a livello dirigenziale al di fuori dei legami di partito, orientamento Green, viadanese doc e per di più donna, una candidatura forte che come dice la Provincia può “scompaginare lo scenario politico in vista delle elezioni di questa primavera”. Allo stato attuale è prematuro parlare di alleanze e schieramenti prima delle dichiarazioni ufficiali perché la situazione è ancora troppo fluida. (Fonte: La Provincia)

Viadana. La ciclabile della piscina in rifacimento

Viadana. La ciclabile per la piscina in rifacimento
La ciclabile che dal centro porta al polo scolastico, al palazzetto e alle piscine sarà oggetto di lavori per centomila euro di cui 40% finanziati dalla Regione. Un bando che però impone tempi brevi, l’opera deve partire entro fine ottobre e terminare entro l’anno. Il progetto cofinanziato ha la finalità precipua della sicurezza quindi riguarderà la rimozione di ostacoli, l'ampliamento della carreggiata, segnali, indicazioni ecc. sostanzialmente ha la finalità di una “messa in sicurezza” di pedoni e ciclisti.
(Fonte Gazzetta di Mantova)

Casalmaggiore e Viadana non firmano per la svolta Green

Casalmaggiore e Viadana non firmano per la svolta Green
La Provincia dedica un articolo ai comuni di Viadana e Casalmaggiore che non fanno passare in consiglio comunale le mozioni per le svolte Green che comporterebbero per esempio l’installazione delle colonnine per le auto elettriche, riconversione eco degli edifici pubblici, fontanelle per le borracce ecc.
Ormai i comuni coi bilanci a secco sono restii a mettere a bilancio misure che -  sebbene orientate all’alto ideale di salvare il pianeta - comportano “impegni troppo gravosi” motivazione con la quale l’amministrazione viadanese ha respinto la mozione. (Articolo sulla Provincia di oggi)

Guastalla/Dosolo - Dal ponte piovono frigoriferi e spazzatura

Guastalla/Dosolo - Dal ponte piovono frigoriferi e spazzatura
Ovviamente è un caso limite ma è successo. Un gruppo di  di pescatori in barca sotto il ponte sono stati gli attoniti testimoni del tonfo provocato da un frigorifero gettato dalla sommità e caduto a poca distanza dal natante. Per fortuna non piovono sempre elettrodomestici ma testimoni vedono quotidianamente buttare sacchi della spazzatura. Un caso limite che però rende l’idea del grado di inciviltà a cui siamo arrivati, oltre a lordare l’ambiente certi incivili mettono a repentaglio la pubblica incolumità tanto che farebbe veramente d'uopo ripristinare le vecchie Pubblicità Progresso in TV. Altri auspicano misure più incisive come maggiori controlli, multe più severe e maggiori telecamere, purtroppo si sa che nemmeno questo è sufficiente.

(Fonte Gazzetta di Mantova)

Viadana. Le famiglie premiano “Autunno in campagna”

Viadana. Le famiglie premiano “Autunno in campagna”
La Provincia dedica un articolo alla bellissima festa “Autunno in campagna” dove con figuranti e allestimenti viene ricreata l’atmosfera magica delle feste campagnole del passato. Il giornale sottolinea che la manifestazione ha attratto moltissime famiglie con pargoli al seguito che hanno così vissuto quell'atmosfera fatata fatta di giochi, sorrisi, risate e un ambiente cordiale e spensierato che dovevano essere le feste contadine di una volta dove partecipavano vecchi e giovani, donne e bambini scorrazzanti tra pannocchie e galline facendo il tunnel agli adulti col bicchiere di vino in mano tra una musica chiassosa. Non poteva mancare la pigiatura a piedi nudi. Un evento prezioso per tutta la comunità grazie all’organizzazione del Club San Pietro da ringraziare all’infinito.
(Fonte La Provincia)

Senzaslot.it promuove 4 bar di Viadana

Senzaslot.it promuove 4 bar di Viadana
Il sito senza slot.it elenca 4 bar di Viadana che hanno deciso volontariamente d’iscriversi al sito e contestualmente non installare slot nei propri locali. Sono: il Des Amis, il Jolly, Cantina della Birra e Bertollotti. Siccome l’iscrizione è su base volontaria l’elenco dei bar che non hanno slot potrebbe anche essere più numeroso. La ludopatia è un problema che vede statistiche preoccupanti sia come numero, come età sia come volume di gioco. (Fonte Gazzetta di Mantova)

Viadana. Studenti in piazza per il clima puliscono i giardini

Viadana. Studenti in piazza per clima puliscono i giardini
L’onda lunga della battaglia contro i cambiamenti climatici fatta partire da Greta arriva anche a Viadana che ha visto i propri studenti - come previsto - mobilitarsi in massa.
A conferma che le battaglie dell’attivista svedese non sono solo slogan e cartelli ma meritevoli di fatti concreti i ragazzi si sono organizzati per dare un esempio fattivo raccogliendo i rifiuti sparsi nel prato e nelle siepi che circondano la Rotonda. Muniti di guanti e sacchi di plastica un gruppo di studenti si è adoperato per raccogliere plastica e carta. Nella prima mattinata il corteo - nel quale si sono visti anche alcuni “Gillet gialli” - si mosso dalla “Ragioneria” verso l’arco poi il gruppo più nutrito si è diretto ai giardini dove hanno dato un esempio “sporcandosi le mani” raccogliendo i rifiuti per terra.