Viadana. Carlo non ce l'ha fatta

L’investitore, per paura, non si era subito fermato autodenunciandosi poco dopo
Carlo Froldi è morto all'ospedale di Cremona a due settimane dall'incidente. Era stato investito mentre faceva la consueta passeggiata pomeridiana in via Manfrassina a Viadana. Ieri, alle due di notte, circa, il 66enne è deceduto per arresto cardiaco. Ancora da fissare la data dei funerali. L’incidente era avvenuto alle 14.30 del 20 dicembre scorso: il 66ene stava camminando lungo via Manfrassina quando la Fiat 500 condotta dall’84enne viadanese C.M. lo ha travolto facendolo rovinare a terra, un impatto violento a seguito del quale Froldi ha subito un grave trauma cranico. Subito dopo il decesso l’investitore C.M. - che sulle prime, per paura, non si era fermato, salvo poi autodenunciarsi spontaneamente nei minuti successivi, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per omicidio colposo. Froldi svolgeva ancora l’incarico di difensore civico vicario nel Comune di Viadana. Lascia a piangerlo la moglie Ida Erbifogli, le figlie Alessandra e Licia e il fratello Sandro. Il suo decesso ha destato grande impressione  a Viadana dove era molto conosciuto anche per la sua attività politica.