Lutto per il gladiatore antinucleare

Umberto Chiarini conosciuto in tutto il viadanese e oltre per le lotte ambientaliste stroncato da un malore improvviso
Se ne è andato a pochi giorni dalla vittoria sul nucleare, la sua battaglia di una vita. Umberto Chiarini, leader storico delle battaglie viadanesi
contro la centrale nucleare è morto ieri sera all'Oglio Po per un infarto.
Verso l'ora di cena ha avuto un malore ed ha chiamato il medico di famiglia che l'ha visitato. Non sembrava niente di grave in apparenza eppure continuava a stare male. Così è andato lui stesso a Vicomoscano, accompagnato dai famliari. Le sue condizioni sono andate peggiorando fino a che non è sopraggiunto l'arresto cardiaco. In ospedale i medici hanno fatto ogni tentativo per rianimano, ma non c'è stato purtroppo nulla da fare. Erano le 21.30 circa quando Umberto è morto, la sua salma si trova tuttora all'Oglio Po dove oggi si procederà all'espianto delle cornee. Un lutto improvviso, che ha lasciato senza parole un'intera comunità.