Viadana. Dalla Lega l'ok per una "disubbidienza civile"

La Lega con Cavatorta (sulla gazzetta) incoraggia il sindaco di Viadana a fare come Fassino (Pd), sindaco di Torino che avrebbe "sforato" il patto di stabilità. Per il capogruppo della Lega ancora il Comune dovrebbe aumentare gli oneri di urbanizzazione piuttosto che aumentare l'addizionale irpef "...così da garantire i servizi minimi di sopravvivenza piuttosto che gravare - dice Cavatorta - sulle tasche dei viadanesi ... a Viadana gli oneri sono ancora bassi e la città non soffre di crisi urbanistica tali da giustificare prezzi stracciati per l'edilizia". Tutto ciò in un'ottica che vuole difendere la totalità dei cittadini e non quella parte in procinto di costruire, benché sia da qui arrivano le entrate maggiori per i comuni. La notizia politica comunque è che il carroccio cittadino provocatoriamente cavalchi l'ira del sindaco che nei giorni scorsi aveva ipotizzato una disubbidienza civile contro lo Stato non sentendosela di garantire il rispetto del patto di stabilità che impone tetti di spesa ai comuni quand'anche essi abbiano i conti a posto come Viadana. Ovviamente è giusto precisare che il tutto è limitato alla dialettica politica ed un conto è dire un altro è fare in quanto tutti sono consapevoli che è lo Stato ad avere il coltello dalla parte del manico.