Brescello, concorso cortometraggi

Presentata a Brescello la X^ edizione del Festival
 "Brescello, mondo piccolo cinematografico" 23-29-30 giugno 2012
Nel concorso riservato ai cortometraggi assegnazione del “Peppone d’oro”

Presentata a Brescello, la celebre location dei film di Don Camillo e Peppone, la X edizione del Festival Mondo piccolo cinematografico destinata in parte ai cortometraggi che interpretano al meglio uno dei 4 temi del nuovo regolamento – Al vincitore l’assegnazione del “Peppone d’oro”
“Il cinema ha regalato a Brescello negli anni ’50/’60, molte immagini che hanno fatto la storia e la cultura dell’Italia nel mondo”, afferma il Direttore del Festival, Virginio Dall’Aglio. “Per questa ragione crediamo sia importante continuare a sostenere la produzione di nuove opere cinematografiche che valorizzino la tradizione dei nostri valori”.
Sul sito del Comune di Brescello www.comune.brescello.re.it è scaricabile il Regolamento e la scheda d’iscrizione inerente al Concorso internazionale cortometraggi riservato ai Filmakers di tutto il mondo che potranno scegliere fra quattro temi. La Giuria del concorso è presieduta come sempre dal decano dei critici cinematografici italiani, Morando Morandini.

Il premio “Regia-Mondo piccolo cinematografico” , riservato al cinema italiano è stato assegnato, lo scorso anno al regista esordiente Rocco Papaleo per il film “Basilicata Coast To Coast” e fa seguito a numerosi riconoscimenti ottenuti dai registi italiani, dal 2002 Giuseppe Bertolucci, 2003 Pupi Avati, 2004 Marco Bellocchio, 2005 Liliana Cavani e Davide Ferrario,  2006 Florestano Vancini, 2007  Gianni Amelio, Luigi Di Gianni, Ermanno Olmi, 2008 Carlo Mazzacurati e Gianni Zanasi,  2009  Franco Piavoli, Giuseppe Piccioni, Marco Risi, 2010 - Giorgio Diritti.

Come non ricordare nel decennale del Festival anche tutti gli altri ospiti che si sono avvicendati a Brescello, facendo sì che, con la loro presenza, l’evento diventasse sempre più una rassegna importante.
Da Giuseppe Bertolucci e Gianluca Farinelli, rispettivamente Presidente e Direttore di Cineteca Bologna a cui gli organizzatori saranno per sempre grati in quanto si impegnarono in prima persona per la nascita del Festival, ad una incomparabile Piera DeTassis, madrina del Festival per i primi due anni, agli attori Marescotti e Vito, alla coppia Susy Blady e Patrizio Roversi, da Stefano Alleva presente con il backstage di “La figlia di Elisa, il ritorno a Rivaombrosa” a Beppe Carletti dei Nomadi, a due grandissimi mostri del cinema italiano, Milena Vukotic e Carlo Delle Piane.
Nel 2008, nel centenario della nascita di Giovannino Guareschi, un ritorno insperato a Brescello, le attrici protagoniste nei film di “Don Camillo e Peppone”, Valeria Ciangottini, Graziella Granata, Gina Rovere e tanti tanti altri protagonisti che hanno contribuito a valorizzare il nostro piccolo grande Festival cinematografico.


Fa ancora parlare la chiusura del festival dello scorso anno con la proiezione in prima nazionale del film, in edizione originale francese, “Le petit monde de Don Camillo” a 60 anni dal primo ciak e senza la censura intervenuta nel “Don Camillo” italiano. Presentazione alla quale era presente Monsignor Domenico Pompili, Sottosegretario della CEI e Direttore dell’Ufficio Nazionale per le comunicazioni sociali, che, in una libera conversazione, aveva disquisito sul tema “Cosa ha rappresentato per la Chiesa Cattolica la figura di Don Camillo”.