Viadana Rugby. Fine degli Aironi. Torna il Leone?

Il Leone mascotte del Viadana
Prima il no alla franchigia per problemi economici, ora la Fir prende atto che l'unica proposta per rappresentare l'Italia viene ancora da Viadana, ma con un altro nome. "In caso di mancati requisiti sarà Franchigia federale"
Difficile spiegare ai non addetti ai lavori la complicata vicenda del Rugby italiano che in Viadana aveva trovato la sede di una franchigia chiamata Aironi per affrontare il difficile torneo europeo della "Celtic League". Poi, qualche settimana fa il colpo di scena: La federazione italiana Rugby revocava agli Aironi la licenza della Celtic adducendo vaghe (ma eloquenti) ragioni economiche. Questo gettò nello sgomento un po' tutti specialmente i tifosi che hanno creato un gruppo su Fb con oltre 5000 amici. Ieri un nuovo colpo di scena la federazione avrebbe riassegnato a Viadana il compito di sfidare le squadre europee, ma attenzione perché non è ancora detta l'ultima parola in quanto perfino la Gazzetta dello sport usa il punto di domanda nel titolo del suo articolo e una marea di condizionali. Per ora, i tifosi esultano rispolverando la vecchia mascotte del Rugby Viadana, il leone che da un punto di vista simbolico è molto più arcigno del "paludoso" volatile.