Effetti sul territorio dopo 100 anni di sfruttamento

 LA PROIEZIONE DI TERRAMACCHINA
 -La rassegna di documentari  “Tre registi raccontano di cibo, di terra, di donne e di uomini”, organizzata dal Parco Oglio Sud in collaborazione con la biblioteca di Gazzuolo, continua venerdì 18 maggio con “TERRAMACCHINA” di Daniele Di Domenico, 34 anni, abruzzese di nascita, ma che vive e lavora a Parma.  
Dopo 100 anni di sfruttamento intensivo delle risorse naturali per sostenere le produzioni agroalimentari, quali sono gli effetti di questo modello di sviluppo sul territorio? È questa la domanda alla quale il documentario Terramacchina cerca di rispondere, attraverso gli occhi di Febe, una bambina eterea, simbolo delle nuove generazioni.
Per scaricare locandine e libretto con le sinossi:
ORATORIO DI SAN PIETRO - BELFORTE DI GAZZUOLO (MN)   VENERDI’ 18 MAGGIO 2012    h 21   INGRESSO GRATUITO