Viadana. Chiusi alcuni edifici centrali per verifiche

Preso atto che in data, 29 maggio 2012 intorno alle ore 13.00 si sono verificate ulteriori scosse telluriche di magnitudo 5.1 - 5.4 con epicentro nel modenese, avvertite intensamente nel centro  cittadino e nelle frazioni di Viadana.
Che a seguito del sisma si è provveduto a effettuare una serie di controlli e verifiche sugli edifici  comunali da parte dell’ufficio tecnico, dai quali e emerso, come esposto nella relazione tecnica redatta dal dirigente area tecnica in data 30 maggio 2012 prot.15288, che gli edifici che richiedono ulteriori verifiche sono il palazzo Municipale e il palazzo ex Monte.
Che i motivi di tale ulteriore indagine sulla stabilità e determinata dai seguenti fattori: 
1) l’entità delle lesioni riscontrate;
2) la geometria degli immobili in oggetto;
3) la Valutazione regionale di vulnerabilità sismica degli edifici in questione;
3) la magnitudo, la frequenza di ripetizione di eventi sismici in zone a poche decine di chilometri da Viadana nonché il perdurare dei fenomeni sismici in atto che come evidenziato dai dati pubblicati dall’istituto nazionale di Vulcanologia e geologia che attesta un progressivo spostamento degli eventi sismici da est a ovest:
4) la rilevante presenza di persone e lavoratori negli edifici;
Considerato che la verifica di agibilità richiede per la complessità delle strutture, il valore
architettonico degli edifici, l’iterazione tra i vari interventi edilizi effettuati nel tempo una attenta analisi effettuata da tecnici specializzati e un certo tempo di redazione stimato in circa 7 giorni. Che per effettuare le verifiche e scongiurare la probabilità di danni alle persone si ritiene opportuno e necessaria l’emissione di un ordinanza urgente con la quale si disponga la chiusura delle attività nel Palazzo eX Monte e del portico antistante, della parte di palazzo municipale delimitata dai portici che comprende la scala principale di accesso e il palazzo ex lNAM, fino alla conclusione delle verifiche di agibilità con esito positivo o alla attuazione delle opere necessarie per il ripristino dell’agibilità qualora fosse necessario. Considerato quindi che tali condizioni sono presupposto per l'adozione di provvedimento contingibile ed urgente, a tutela della pubblica e privata incolumità, ai sensi dell’art. 54 Comma 2 T.U. 267 del 18.08.2000;

ORDINA
1) La CHIUSURA del Palazzo ex Monte, del cortile retrostante, dei portici antistanti a far tempo dal giorno giovedì 31 maggio 2012 fino al giorno mercoledì 6 giugno 2012 al fine di effettuare le necessarie verifiche strutturali;
2) La CHIUSURA della parte di Municipio delimitata dai portici che comprende la scala principale di accesso e il palazzo ex Inam e il piano primo dalla sala consigliare e scala principale di accesso dei portici antistanti dal giorno giovedì 3l maggio 2012 fino al giorno mercoledì 6 giugno 2012 al fine di effettuare le necessarie verifiche;