Gruppo UDC Viadana: "E’ ora di dire basta!!!"

E’ ora di dire basta!!!
Ecco!!!! Ancora una volta ci risiamo.
Siamo vittime delle decisioni prese da persone che hanno scarsa conoscenza del territorio Casalasco-Viadanese.
Voler ignorare è già di per sé colpa, prendere decisioni disattendendo gli aspetti devastanti delle stesse, costituisce un ulteriore aggravante.
E’ che dire  di chi è stato eletto ( Dott. Pavesi, Dott. Bottari, Dott. Rossoni, Dott. Alloni, On. On. Fava, Dott. Maccari, ecc..) promettendo la difesa dei servizi fondamentali sul nostro territorio ?
E’ finita la campagna elettorale ……?

E’ ora di dire basta.  Il problema dell’Oglio Po’ c’è e deve essere risolto con senso di responsabilità e con la necessaria lungimiranza.
A quanto pare non si è spiegato bene, sia in Regione sia alla D.ssa Mariani che a questo ospedale  non fanno riferimento solo Viadana e Casalmaggiore ma anche territori confinanti del Casalasco-Viadanese:
Boretto  (RE) – Brescello (RE) – Borgoforte (MN) – Dosolo (MN) – Commessaggio (MN) – Gazzuolo (MN) – Mezzani (PR) – Motteggiana (MN) – Pomponesco (MN) - Sabbioneta (MN) e  Colorno (PR) – Martignana di Po (PR) – Rivarolo del Re (MN).
Ricordiamo altresì che Viadana e Casalmaggiore hanno un totale di 27 frazioni e che la sola città di Viadana ha una estensione territoriale di 102 KM2  (dopo Milano è il Comune più esteso della Regione Lombardia). Isolare un territorio così vasto (già penalizzato da una notevole difficoltà di comunicazione con i servizi pubblici tra un paese e l’altro) guardando a Cremona distante 45Km; non mi pare una razionalizzazione bensì usare il macete, senza pensare alle difficoltà di molte famiglie relativamente alla assistenza dei propri malati. Chiediamo pertanto che i Sindaci di ogni appartenenza politica, consiglieri regionali di tutto il territorio Casalasco-Viadanese, intervengano per lottare insieme ai cittadini prestando fede ai loro impegni elettorali e al loro compito morale di servizio.

Gruppo UDC Viadana