Viadana. Petizione contro le barriere architettoniche

Trecento firme di cittadini sono state consegnate al sindaco per l'abbattimento delle barriere architettoniche 
Un obiettivo che a Viadana si è ben lungi dall'avere eseguito in decenni di scarsa impegno delle amministrazioni che si sono succedute.
Ora un cittadino che conosce bene i problemi della disabilità, anche grazie ai social network, sta facendo sentire la voce dei cittadini con handicap o con temporanee situazioni che ne rallentano la deambulazione e finanche le carrozzine delle mamme. Si tratta di Maurizio Corberi, primo firmatario della petizione  consegnata al sindaco. Vi sono a Viadana passaggi critici che rendono la vita impossibile ai disabili addirittura si è segnalato che in alcune strutture commerciali i bagni per disabili vengono usati come magazzini. Una battaglia di civiltà che il Pdl locale - forza presente in consiglio comunale - ha deciso d'intraprendere in collaborazione con e per i disabili viadanesi e tutti i cittadini. Manfredi (Pdl) sulla gazzetta ha detto di avere proposto all'amministrazione di attuare un piano affinché tutti i marciapiedi nuovi o in rifacimento siano portati a almeno a 1,5 m.