Viadana. I genitori sulla Neuropsichiatra


 Dopo anni di incontri, richieste e continui ripensamenti siamo per l'ennesima volta sprovvisti della Neuropsichiatra presso la struttura Ospedaliera Oglio Po.
La Dott.ssa G.Sanna nell'incertezza della sede della NPI a Viadana , ha preferito un'altra Struttura .
Un vero peccato perchè la Dott.ssa Sanna lavorava da tempo e in modo esemplare rispondendo puntualmente ed efficacemente alle esigenze delle famiglie
coinvolte.
Tutto ciò ha portato ad avere ottimi rapporti tra le famiglie la scuola e i servizi riabilitativi!!!
Per la prima volta dopo molti anni i bambini certificati e i DSA avevano già per Settembre gli Appuntamenti fissati, cosa che non si era mai verificata ,
questo per sottolineare quanto sia importante che la Neuropsichiatra lavori in modo continuo e con un rapporto di lavoro stabilizzato ( LA STABILITA'
E' GARANZIA DI CONTINUITA').

E' vergognoso, scandaloso che i bambini  siano abbandonati a sè stessi questo perchè NON E' STATA INDIVIDUATA TEMPESTIVAMENTE UNA
SEDE DI NPI A VIADANA!!
 Un monitoraggio del CTRH ha evidenziato i numeri elevati dei minori che usufruiscono del servizio nel territorio viadanese e la nostra Raccolta Firme
 inviata ance in Regione (2700 firme) ha sottolineato quanto la cittadinaza sia sensibile a tale problema.
 Dopo l'Assemblea dei Sindaci del Marzo 2011 che stabiliva la sede della NPI  a Viadana  presso il secondo piano della Lungodegenza ( AD OGGI
ANCORA INUTILIZZATO E PER IL QUALE IL COMUNE NON DOVREBBE PAGARE AFFITTI VISTO CHE LA STRUTTURA E' DEL POMA!)
è seguita una clamorosa retromarcia;
Successivamente durante i Consigli Comunali aperti di Bozzolo e Casalmaggiore, nasceva l'idea di cedere la gestione del servizio da Mantova a Cremona
cosa assolutamente fuori luogo perchè Viadana è Comune Capofila e L'UNICO privo della sede della NPI,
 inoltre Viadana è servita dai mezzi pubblici,
infine con queste scelte centrifughe si corre il serio rischio di perdere le risorse specifiche per il nostro territorio senza avere alcuna garanzia
 di livelli e spazi adeguati per un'attività dedicata alle problematiche delle nostre utenze!!
L'ultimo atto di questa odissea è la perdita di una Neuropsichiatra professionalmente e umanamente capace.
Riteniamo che sia una grande responsabilità del Sindaco Dott. G. Penazzi e dell'Ass. alle Politiche Sociali Dott.ssa I. Sartori non aver agito in modo
 tempestivo e incisivo nell'individuare definitivamente la sede a Viadana il che tra l'altro non richiede particolari e costose  attrezzature ma solo un numero
adeguato di stanze per ospitare l'intera equipe.
Chiediamo quindi quanto prima risposte chiare e tempestive.
Lara Bellini