Nizzoli (Pd): Motivi delle dimissioni

Faccio seguito alla assemblea svoltasi ieri sera in Galleria Virgilio a Viadana durante la quale ho rassegnato le mie dimissioni da segretario del partito per condurlo ad un congresso che sancisca definitivamente una linea politica proveniente dalla base. In un momento così difficile per la nostra società dove tanti temi importanti, dal lavoro al sostegno alle imprese, dai servizi ai cittadini al tentativo di riduzione della pressione fiscale, devono essere affrontati con forza e serenità, ho deciso di fare in modo che sia tutta la base del partito ad esprimersi su chi e in base a quali idee vuole essere rappresentata.
La stessa gente che più volte mi ha chiesto di avere maggiore coinvolgimento nella vita politica della nostra comunità. Dal congresso ritengo uscirà un segretario espressione di un gruppo dirigente rinnovato in grado di ridare slancio al partito che ha vinto le ultime elezioni e sostiene la maggioranza guidata dal sindaco Penazzi. Il problema non è e non deve essere nei personalismi, che anche oggi campeggiano sui giornali, ma nel vigore di un'azione politica che ci permetta di produrre provvedimenti funzionali alla città e che i cittadini ci chiedono in questo grave momento di crisi. Mia responsabilità è ridare slancio ed incisività al primo partito di Viadana, spingerlo al rinnovamento ed al ricambio generazionale se necessario, per ricompattare un gruppo dirigente espresso dalla base e lavorare intensamente alla soluzione di tutte le sfide che ci aspettano. Questo è il senso del gesto "forte" e questo il messaggio che voglio mandare con le mie dimissioni.
Fabrizio Nizzoli