Film a Sabbioneta per la Sinagoga

Cortometraggio per raccogliere fondi per il restauro della Sinagoga
E’ visionabile on-line e scaricabile all’indirizzo “http://vimeo.com/50986268” il promo del cortometraggio “Felice nel box” che la regista italo-americana Ghila Valabrega ha girato nel cimitero ebraico di Sabbioneta.L’idea di realizzare il cortometraggio è scaturita dalla vicenda singolare iniziata negli anni 70 del secolo scorso quando il giovane architetto milanese Stefano Valabrega (padre di Ghila) durante un sopralluogo nel territorio
sabbionetano si imbatté in un cimitero ebraico in stato di completo abbandono. L’architetto trovò una lapide in buono stato e la portò con se a Milano con l’intenzione di salvarla e di proteggerla da ulteriori vandalismi; la decisione salvò la lapide che però restò per decenni nel suo garage. Risale a pochi mesi fa la decisione di riconsegnare alla Pro Loco di Sabbioneta, che si occupa della manutenzione e della valorizzazione del camposanto di proprietà della Comunità Ebraica di Mantova, la pietra tombale di Felice Leon Foà.Negli stessi giorni in cui la lapide tornava a Sabbioneta diverse scosse di terremoto hanno generato gravi danni alla Sinagoga. Da qui l’idea di realizzare un cortometraggio che, oltre a tenere viva la memoria della comunità ebraica di Sabbioneta dove per oltre 500 anni gli ebrei vissero tranquillamente integrati nel tessuto sociale della città, ha anche lo scopo di reperire contributi da destinare al restauro del Tempio.Con il film “Felice nel box” la regista Ghila Valabrega vuole raccontare una storia che, suscitando curiosità verso la realtà ebraica, metta in risalto il grande patrimonio culturale lasciato dalla comunità di Sabbioneta per promozionarlo attraverso i circuiti cinematografici ebraici internazionali.