Viadana. Tagli alle poste


Ancora una volta registriamo il tradivo grido d'allarme del SINDACO sulla chiusura di altri servizi decentrati nel nostro comunale ad opera di POSTE ITALIANE. Condividiamo completamente le sue preoccupazioni e la denuncia per il mancato rispetto degli accordi sulla sede di Bellaguarda costata migliaia di euro alla comunità, avendo già da tempo sollevato la questione sulla stampa e con nostre interpellanze rimaste inascolate. Non riteniamo però efficace il suo intervento a "chiusura della stalla quando i buoi sono già stati portati via ". Viadana ha bisogno di un primo cittadino che si metta alla testa dei cittadini e sia sempre un passo avanti ai problemi che mano a mano si presentano, per di più se già annunciati come in questo caso e per l'Ospedale Oglio Po.
L'attuale struttura postale di Viadana è già inadeguata oggi per accogliere i clienti, con file di gente anche anziana spesso in piedi per molto tempo, e lo sarà ancor di più quando assorbirà l'utenza periferica. Il Sindaco deve subito intervenire per incontrare i dirigenti di POSTE ITALIANE e chiedere di rivedere almeno in parte le loro decisioni oppure garantire un investimento per una sede più idonea e capiente come quella già da noi suggerita dell'ex sede Cariplo a pochi metri di distanza, attualmente vuota, priva di barriere architettoniche e sufficientemente capiente, sia come spazio al pubblico che come uffici interni. Inoltre il Sindaco dica come pensa di utilizzare al meglio la nuova struttura di Bellaguarda, magari coinvolgendo i cittadini di frazione come iniziativa partecipativa.
Una giusta e ferma mobilitazione del Sindaco in tal senso, al di là dei tardivi allarmismi, avrà sempre il nostro pieno sostegno .
    
Lista Civica Portanuova – Viadana
Stefano Rocchi e Simonetta Gialdi