Viadana. Sartori sui Gay: "Non condivido il sindaco"

In qualità di assessore alle pari opportunità del Comune di Viadana, non condivido le parole del Sindaco Penazzi che definisce  “carnevalesca” la manifestazione organizzata dall’Arcigay che si terrà a Mantova il 10 febbraio. Nel nostro paese il percorso politico per il riconoscimento della tutela dei diritti delle coppie di fatto ha visto solo un impegno dal punto di vista linguistico: pacs, dico ecc. In realtà, dietro le parole, è in gioco il riconoscimento della parità  dei diritti tra le persone. Ancor più grave è il fatto che a tutt’oggi non si riesca ad approvare una legge contro l’omofobia. Tutto ciò denota una grave arretratezza culturale del nostro Paese. 
In tante occasioni la libertà di manifestare ha permesso di sensibilizzare l’opinione pubblica contro le discriminazioni di vario genere motivate da condizioni razziali, religiose, etniche ecc., ma ancor di più è stato l’unico strumento affinché le minoranze potessero far sentire la loro voce.
Forse, non condividendo la manifestazione, sarebbe stato sufficiente non parteciparvi.
Ines Sartori