Viadana. Consiglio Comunale "saltato"

Il consiglio comunale si divide sulla "Cittadella della salute" e fa mancare il numero legale. La seduta - in mancanza del numero di consiglieri minimo per essere insediata è stata quindi sciolta. Una seduta lampo nella quale le forze d'opposizione e il blocco dei consiglieri Pd (esclusa Baracca) hanno abbandonato l'aula "in aperta polemica con la giunta - scrive la Provincia - accusata di scarso coinvolgimento dei consiglieri comunali nell'iter di progettazione della Cittadella della salute - secondo i progetti - da costruirsi in piazzale della Libertà. Per i favorevoli si tratta di un'opportunità da non perdere. Per i contrari - più che il merito della questione - sembra il fatto che non se ne sia reso partecipe il consiglio in tutto l'iter di progettazione. Per Zanazzi, capogruppo del Pd in consiglio che rivendica il "diritto morale valutare, capire, sostenere o bocciare le scelte dell'amministrazione" ed inoltre sulla cittadella: "La questione richiede approfondimenti, non si può ridurre ad un semplice prendere o lasciare". Fatto sta che il maggiore organo decisionale del Comune è in stallo e non si è insediato per decidere e, questo, è il dato saliente dal momento che da lì partono le decisioni e le strategie per la guida della Città.