Sciopero benzinai

                                              Comunicato Stampa 17 giugno 2014
ANCHE I BENZINAI DI FIGISC CONFCOMMERCIO MANTOVA ADERISCONO ALLA MOBILITAZIONE NAZIONALE CONGIUNTA: OGGI LO SCIOPERO, DAL 21 AL 28 GIUGNO NO A BANCOMAT E CARTE DI CREDITO  

Continua la mobilitazione nazionale indetta da Figisc/ANISA Confcommercio assieme a Faib Confesercenti e Fegica Cisl per dire basta a prezzi alti, comportamenti anticoncorrenziali e discriminazioni commerciali che danneggiano consumatori e imprese di gestione.
Dalle 19:30 di oggi alle 7.00 del 19 giugno si svolgerà lo sciopero generale nazionale dei distributori, mentre in autostrada lo sciopero sarà dalle 22:00 del 17 alle 22:00 del 18 giugno.
La mobilitazione proseguirà dal 21 al 28 giugno, quando presso gli impianti non sarà accettato alcun mezzo di pagamento elettronico (carte di credito e di debito, bancomat, carte petrolifere, ecc.) e verranno sospese tutte le campagne promozionali di marchio su tutta la rete ordinaria.
“I prezzi ingiustificatamente più alti che vengono imposti ai gestori ed agli automobilisti dalle compagnie petrolifere sono la conseguenza di norme troppo spesso violate e di un sistema che attende da troppi anni di essere profondamente riformato – spiega il presidente di Figisc Confcommercio Mantova Enos Righi -. Quello che chiediamo è la puntuale applicazione delle leggi che garantiscono ai gestori condizioni eque e non discriminatorie per competere sul mercato, in altre parole prezzi più bassi e competitivi anche a beneficio degli automobilisti che da noi si riforniscono quotidianamente. Serve anche una ristrutturazione e ammodernamento della rete di vendita e la ripresa di una contrattazione collettiva che ponga fine a un lungo periodo di strappi e aggressioni alla categoria da parte delle compagnie petrolifere: queste le condizioni per salvare un settore costretto da scelte folli a finire in una situazione drammatica”.