Viadana. Fiera ridotta: con giostre ma forse senza fuochi

 La Gazzetta si sofferma con un ampio articolo sulla Fiera di Giugno di Viadana, ovvero il più importante e il più atteso evento popolare della comunità, uno dei pochi eventi di richiamo anche per i paesi limitrofi che si svolge durante l'anno e, che quest'anno, senza fondi, si regge solo sulle spalle della Proloco.
Il luna park  è già arrivato e si procederà al montaggio delle solite giostre. Occupato il piazzale, corriere e viaggiatori hanno una nuova fermata temporanea degli autobus in via al Ponte all'altezza dell'arena spettacoli.
Le manifestazioni fieristiche cominceranno la prossima settimana con gli eventi a cura della pro Loco, la sola istituzione a tenere in piedi la baracca. Infatti la fiera si terrà nei due soli giorni di sabato e domenica (28 e 29 giugno). Fiera di san Pietro e Festa del melone si sovrapporranno ovvero per necessità saranno concomitanti. La difficoltà a trovare sponsor e collaborazioni hanno imposto un forte ridimensionamento della fiera che durerà solo due dei 6 o 7 giorni in cui negli anni passati si svolgeva questa famosa sagra. L'evento clou sarà la "notte bianca" sabato 28 con atmosfere anni 60/70 con lo spettacolo de "Le cotiche", celebre funky band. Domenica 29, in mattinata, motoraduno e alle 21.30 lo spettacolo della scuola vamos a Bailar. Durante la fiera funzioneranno osterie a cielo aperto ma non si fa menzione dei fuochi artificiali, cosa che se da un lato è sentita come perdita da quanti non vorrebbero rinunciare all'incanto delle luci dall'altro in parecchi hanno da tempo denunciato quanto il fracasso dei fuochi disturbi bambini piccoli, ed anziani e spaventi a morte gli animali domestici.