Viadana. Parte la "Casa dei Moderati"

Manfredi, ex consigliere di Fi
Manfredi (Fi): forse le primarie. Sogliani (Ndc): si può vincere al primo turno
Lo stato dell'arte del centrodestra è riassunto in un articolo di Romani sulla Gazzetta: "La lunga crisi nella quale è sprofondato il Pd locale dopo tre mandati di governo - scrive - sembra mettere benzina al motore dei moderati che pensano ad un'intesa tattica per le elezioni 2015". Il modello del centrodestra locale è quello del "Partito Popolare", un nuovo concetto politico che vede già la confluenza di Forza Italia, Nuovo Centro Democratico e Udc che - col benestare anche dei rispettivi organi provinciali ha iniziato il percorso per creare una "Casa dei Moderati" che si possa allargare - una volta puntualizzato il programma - a Lega e Fratelli d'Italia ed eventuali liste civiche che nel frattempo potrebbero nascere. Nell'incontro recente in cui si sono poste le basi del progetto è emersa l'esigenza di decisioni in loco di uomini e strategie, non calate dall'alto, con il coinvolgimento della base con l'intenzione di riempire i vuoti politici venutisi a creare con la crisi della giunta precedente e il conseguente commissariamento del Comune. Manfredi, consigliere di Fi nella scorsa legislatura non esclude forme di consultazione della base come le primarie locali. Altro nodo è cosa farà la Lega che al momento ha dichiarato di poter correre da sola e il cui candidato resta Cavatorta. Sogliani (Ncd) rileva che la gente è stanca della politica dei meri litigi e auspica una casa comune per accogliere il mondo cattolico e liberale con l'intento di vincere, magari già al primo turno.