Piena del Po: "Per dormire sonni tranquilli servono 10 milioni"

Lo Stato non stanzia ancora i soldi per la necessaria sicurezza
Gli argini hanno retto la piena della settimana scorsa e l'acqua sta defluendo progressivamente. Eppure tra la gente - dopo la paura accumulata nei giorni critici -  c'è come il sentore di averla scampata bella solo grazie al fatto che le piogge ad un certo punto sono fortunatamente cessate. Ma il presentimento sulla tenuta degli argini non era infondato. A confermarlo è oggi un articolo della Gazzetta nel quale il presidente dell'Aipo, l'agenzia che si occupa della sicurezza del Po dichiara che: "Per dormire sonni tranquilli sul fronte della sicurezza degli argini nel mantovano mancano 10 milioni di euro". Questo significa che gli argini sono sicuri (e lo hanno dimostrato con questa piena che in classifica è una tra le maggiori del secolo) ma per essere sicuri veramente occorre rinforzare e rialzare gli argini in certi punti e per farlo occorrono 10 milioni che lo Stato deve ancora stanziare (La Regione invece ha fatto la sua parte). E' stato anche precisato che una piena come quella scorsa statisticamente ricorre ogni 20 anni ma i mutamenti climatici rendono aleatoria questa statistica e occorrerebbe por mano immediatamente ai lavori agli argini per evitare disastri, che in caso di tracimazione, sarebbero incalcolabili.
Perché hanno chiuso solo il ponte di Viadana?
In un seguente articolo di Negri si fa il punto della situazione di Viadana nello specifico evidenziando punti critici agli argini nelle frazioni Nord in un tratto a Cavallara addirittura l'argine è un metro più basso della quota SinPo.
Altro punto dolente è il Ponte Viadana/Boretto: ci si è chiesti come mai solo il ponte di Viadana è stato chiuso per precauzione? Le domande sorgono spontanee invece risposte certe invece non ce ne sono salvo promesse di lavori di consolidamento al ponte che ancora non si sono visti. Mentre è sotto gli occhoi la situazione di certi pilastri del ponte dove si vede a occhio nudo che non sono più simmetrici e presentano segni evidenti di usura.